31 marzo 2017

Su Canale 5 "L'onore e il rispetto - ultimo capitolo"

Tonio Fortebracci (Gabriel Garko) si risveglia in una cantina buia e sporca.
Sono passati due anni da quando Ettore De Nicola (Valerio Morigi) e i suoi uomini, dopo aver ucciso Carmela, grande amore di Tonio, e sterminato la sua famiglia, l’hanno rapito e torturato per fargli confessare dove avesse nascosto il tesoro.
Ora tutti lo credono morto ma Dagò, l'uomo di De Nicola incaricato di ucciderlo dopo le inutili torture, lo ha lasciato in vita e lo nasconde in uno scantinato.
Una retata della polizia porta Dagò in carcere per detenzione di armi ma nessuno dei poliziotti incaricati di perquisire la casa, si accorge di quell'ammasso di coperte sotto cui si nasconde qualcuno.
Lì sotto c'è Tonio Fortebracci: cammina a stento, la luce acceca i suoi occhi troppo abituati al buio, i suoi muscoli sono deboli per mancanza di cibo, ma la voglia di libertà è troppo forte e Tonio corre... corre finché le gambe ce le fanno, finché il fiato ce la fa. Poi sviene e viene risvegliato da un bambino, Adelchi. Vive con sua madre Michela lì vicino, e quando Tonio arriva nei pressi della loro masseria, trova un uomo che cerca di violentarla e Tonio lo ferisce, mettendolo in fuga. Con Michela nasce un rapporto strano: lui ha perso la memoria a causa delle torture subite, deve cercare se stesso e il suo passato; lei vuole che qualcuno le restituisse la luce negli occhi e l'aiutasse a proteggere suo figlio da quell'animale che l'aveva aggredita e che vuole portargli via la terra e la dignità.

Nasce una storia di complicità, e Michela è pronta a fare qualunque cosa per aiutarlo a ritrovare il suo passato. Ma Ettore De Nicola ha saputo che Tonio è vivo e vuole ucciderlo. Questo interferisce con le loro vite e, ormai riacquistata la memoria, Tonio è convinto di aver perso Carmela e i suoi figli. Il suo unico scopo, ora, è vendicarsi di chi gli ha strappato il cuore e chiede aiuto a Daria, diventata Ispettore di Polizia. Cercano, insieme, di incastrare il corrotto procuratore Trapanese e il boss Ettore De Nicola: i due sono legati da affari di droga che riescono a inviare in america grazie all'aiuto ci una suora che Ettore ha circuito. Suor Lucia, infatti, nasconde la droga nei corredi che invia dal convento e, intanto, intrattiene una relazione con Ettore aspettando che il boss la sposi, come ha promesso. Nessuno dei due aveva fatto i conti con gli imprevisti e, in questo caso, l'imprevisto si chiama Rosalinda, la nipote di Trapanese, donna forte e determinata, decisa a non seguire i dictat dello zio e a ribellarsi al destino che hanno segnato per lei. Rosalinda ed Ettore sono sue caratteri forti, due leoni che si incontrano e si innamorano. Insieme vogliono estromettere Trapanese dal business della droga e appropriarsi anche del mega affare che Trapanese stava portando avanti con la contessa Minniti e il ministro Cusano. Quando Suor Lucia scopre di Rosalinda, blocca le spedizioni della droga ed è intenzionata a realizzare il suo sogno di sposa...

Tonio si imbatte intanto in Chantal, la moglie del ministro Cusano, con la quale inizia una breve relazione. Per caso la rincontra nella villa dei Minniti, in una festa in cui Tonio si è intrufolato grazie alla sconosciuta Giada, con l'obiettivo di uccidere Ettore De Nicola. L'arrivo di Suor Lucia sorprende tutti e impedisce a Tonio di portare a termine la sua vendetta. Giada lo aspetta in macchina, e Tonio ancora non sa che quella ragazza tormentata e indifesa è proprio la figlia del ministro Ciusano e della sua amante Chantal. Giada entra nella vita di Tonio per non uscirne più. Mentre il nostro Fortebracci incrocia persone sempre più pericolose, intrecciando le trame dei loschi affari della banda della magliana e dei marsigliesi, il suo cuore ricomincia a battere per Giada, così fragile e bisognosa d'amore, che forse si lascerà salvare dalla dipendenza da eroina, per salvarlo, a sua volta, e proiettarsi in una vita migliore.

E chissà, forse Tonio, ormai rassegnato, scoprirà che qualcosa di prezioso, della sua vecchia vita, è rimasto; forse il suo vecchio amico Ricky non è morto e i suoi figli non lo hanno dimenticato...

ULTIMI COMUNICATI STAMPA

i nostri tweet