19 ottobre 2019

"Dritto e rovescio" leader dell'informazione in prima serata

Sebastiano Lombardi «“Dritto e Rovescio" ha saputo capire meglio e prima degli altri, un bisogno sano di confronto senza filtri»

«I dati d’ascolto sono eccezionali? Vuol dire che “Dritto e Rovescio”, come capita spesso con Del Debbio, ha saputo capire meglio e prima degli altri, un bisogno sano di confronto senza filtri».

Il direttore di Retequattro Sebastiano Lombardi commenta così il risultato ottenuto ieri - giovedì 17 ottobre - da “Dritto e Rovescio”.
In una serata dalla competizione agguerrita, il talk ha registrato 1.226.000 spettatori totali con il 7% di share, confermandosi, ancora una volta, programma leader dell’informazione in prima serata. “Dritto e Rovescio” supera così, per la quarta volta consecutiva, la diretta concorrenza.

L’approfondimento ha toccato picchi dell’11.63% di share con 1.941.000 spettatori e totalizzato una media stagionale del 6.5% di share individui. 

Sebastiano Lombardi, direttore di Retequattro:
«“Dritto e Rovescio” è, finalmente, un programma che sa mettere in contatto due mondi che stanno prendendo due derive pericolose.
Da una parte la politica, che tende a parlare da sola davanti allo specchio senza mai fare i conti con la società, twittando proclami e trovando frasi ad effetto. 
Dall’altra, la società civile che si fa il sangue amaro a casa la sera e non trova nemmeno nelle piazze uno sfogo che produca confronto e risultati.
Il merito grande di Del Debbio e di Siria Magri e della loro squadra di inviati, è quello di aver messo di fronte le persone e non i ruoli in uno stesso spazio. Ad armi pari. E questo ha tolto tanti alibi, ha costretto ad argomentare, a parlare chiaro, a razionalizzare, da una parte e dell’altra».

VEDI ANCHE

i nostri tweet