08 aprile 2017

L’ALTA CUCINA ITALIANA RITORNA SU CANALE 5 CON LA SECONDA EDIZIONE DE "IL PRANZO DELLA DOMENICA"

Da domenica 9 aprile alle 9.45 ritorna l'alta cucina  su Canale 5 con la seconda edizione de, Il Pranzo della Domenica condotto da Eleonoire Casalegno e dal cuoco italiano più famoso al mondo, Gualtiero Marchesi. Il programma offrirà ai telespettatori la preziosa occasione di conoscere alcuni dei segreti di Marchesi, uno dei capostipiti della grande cucina del Bel Paese.
 
In ogni puntata - come nella prima edizione - si documenterà l’esame di ammissione di un candidato ad un corso speciale dell'ALMA - la Scuola Internazionale di Cucina Italiana - di cui  Gualtiero Marchesi è Rettore, e che ha sede nel Palazzo Ducale di Colorno, in provincia di Parma.
I protagonisti della trasmissione non saranno cuochi formati, ma persone comuni, animate da una forte passione. Si metteranno alla prova davanti alle telecamere facendo valutare le proprie ricette da professionisti del settore.
Il candidato presenterà per l’esame un menù di tre portate: un primo, un secondo e un dolce. In contemporanea, un allievo della scuola, già diplomato, realizzerà lo stesso menù, senza fare errori. Assaggiando i piatti del diplomato, il candidato potrà constatare eventuali sbagli o manchevolezze delle sue portate e apprendere il metodo migliore per eseguirle a “regola d’arte”. Infatti, Gualtiero Marchesi dice: “L’esempio è la più alta forma di insegnamento”.
 
Il Maestro Marchesi, insieme ad altri due giudici – gli chef Tiziano Rossetti  e Bruno Ruffini - assaggerà poi le portate del concorrente, esprimendo il suo parere e quindi giudizio sulla resa del piatto. La valutazione del comportamento in cucina e la tecnica usata sarà affidata invece al direttore didattico della scuola Matteo Berti.
 
Il Pranzo della Domenica è scritto da Mila Cantarelli, Candido Francica,  Bianca Zille con Alberto Pataccini.
La regia è di Stefano Girardi, il produttore esecutivo Prodotto è Nicole Bottini, il produttore esecutivo Mediaset è Mary Scotti.

ULTIMI COMUNICATI STAMPA

i nostri tweet