28 novembre 2019

LA5 sostiene #afiancodelcoraggio

Il film "La Grande Gilly Hopkins" e il corto inedito "I miei supereroi"

LA5 sostiene il progetto #afiancodelcoraggio, dedicando la serata di giovedì 28 novembre ai bambini e agli adolescenti che convivono con l’emofilia, una malattia genetica in costante aumento in Italia.

Al termine del film La grande Gilly Hopkins - con un super-cast composto da Kathy Bates, Glenn Close, Octavia Spencer, Julia Stiles -, in onda alle ore 21.15, la rete diretta da Marco Costa trasmette il corto «I miei supereroi».
Il cortometraggio, inedito, diretto da Alessandro Guida e scritto da Marco Borromei e lo stesso regista, è basato sulla storia vera di Alessandro Marchello, autore del racconto Guardami! Sto volando!. 
Vincitore della 3° edizione di #afiancodelcoraggio, lo spot parla di emofilia attraverso gli occhi di un gruppo di ragazzi che vivono la gioia di una vacanza estiva.

Protagonista de «I miei supereroi» è quindi Alessandro, assieme ad altri tre ragazzini speciali assistito da due educatori. Per questi giovanissimi, i timori di farsi male sono tanti… ma un liberatorio tuffo nel lago li fa sentire spensierati e uguali a tutti.

L’edizione 2019/2020 di #afiancodelcoraggio, la 4°, quest’anno ha indetto un concorso per premiare il racconto di un uomo (marito, compagno, padre familiare, amico, collega…), che viva accanto ad una donna ammalata di tumore. La testimonianza vincitrice (è possibile partecipare entro e non oltre il 14 febbraio 2020, https://afiancodelcoraggio.it/invia-storia), sarà protagonista di uno spot.
L’intento di #afiancodelcoraggio è quello di creare maggiore consapevolezza e un approccio diverso alla malattia oncologica, una prova non solo per la persona che ne è colpita, in particolare le donne, ma anche per tutta la comunità.

La giuria di #afiancodelcoraggio, presieduta da Gianni Letta, vede tra gli altri componenti, Enrico Vanzina, la giornalista dell’Ansa Angela Corelli, il presidente di Medusa Carlo Rossella e il dottor Giordano Beretta, di Humanitas Gavazzeni Bergamo.

ULTIMI COMUNICATI STAMPA

i nostri tweet