12 giugno 2015

"Orange Is the New Black" sulle cover di tutto il mondo

La 3° stagione della serie fenomeno è su Infinity da sabato 13 giugno (in contemporanea con l'uscita americana) e andrà in onda sul nuovo canale Premium Stories in autunno

A due anni dalla partenza, continua il bagno di cover sulle riviste internazionali più importanti di "Orange Is the New Black", che in occasione dell'uscita della terza stagione (su Infinity - in contemporanea con gli U.S.A. - da sabato 13 giugno e sul nuovo canale Premium Stories di Mediaset Premium in autunno) si conferma tra le serie più apprezzate da pubblico e critica.

Secondo la bibbia del rock "Rolling Stones" è infatti la "serie che ha rivoluzionato la tv". Tre, secondo il magazine, le ragioni principali: il modo in cui sono presentate le donne, l'aver messo in luce il tema gay e transgender e l'aver dato voce a uno dei gruppi sociali più emarginati degli Stati Uniti, i detenuti.
A rappresentanza dello show, il magazine musicale ha scelto per la cover dell'ultimo numero le protagoniste Taylor Schilling e Laura Prepon, alias Piper Chapman e Alex Vause, immortalate in versione "bad girl" dal fotografo delle rock star Mark Seliger.

Dopo la celebre cover sul "Time"  e quella su "Variety", la consacrazione a icona televisiva transgender di Laverne Cox, la detenuta Sophie Burset nella serie, continua invece sulla prima pagina del prestiogioso "Entertainment Weekly", che ritorna sul tema della "trans-formazione" americana vestendo ironicamente l'attrice da Statua della Libertà (foto di Alexey Hay) e giustificando così la scelta: "È la prima volta in 15 anni che dedichiamo una copertina a un'esponente della comunità LGBT e lo facciamo con l’attrice transgender più famosa d’America". Confida Cox a "Entertainment Weekly": Anni fa non avrei mai pensato di ricevere biglietti d’auguri natalizi da Beyoncè e scattare selfie con Jane Fondama oggi posso rivendicare i diritti di una comunità che non è legata propriamente agli interventi chirurgici, quanto ad una transizione che se fatta in pubblico può a volte far più male di un bisturi”. La stessa Cox compare poi in versione sexy pin up sulla prima pagina del magazine femminile "Bust" (foto di Danielle Levitt), a cui racconta così della sua nuova vita da star: "Mi sento come Mariah Carey quando racconta di come i suoi fan la facciano sentire bene. Sembra abbastanza sdolcinato da dire, ma è la verità".

A Dascha Polanco, alias Daya Diaz, è invece dedicata la copertina del numero estivo di "Latina" (foto di Jack Guy), sulle cui pagine l'attrice di origini domenicane posa mostrando un'esuberante tinta di capelli viola e un fisico orgogliosamente "curvy".

È invece per Taryn Manning, alias Tiffany Doggett, la prima pagina del magazine "Bello" (foto JSquared Photography), per cui l'attrice si è spogliata del ruolo di bruttina aggressiva per indossare un completo in pelle nera decisamente sexy. Ai fan, proprio in vista della partenza della terza stagione di "Orange Is the New Black", la Manning ha anche lanciato un avvertimento: "Allaciatevi la cintura e preparatevi per la corsa. Non sapete dove possono arrivare le montagne russe finchè non scendono".

Ammalia con il suo ormai celebre sguardo Uzo Aduba (miglior Outstanding Guest Actress agli ultimi Emmy Awards e vincitrice di un Sag Award), alias Suzanne "Crazy Eyes" Warren, dalla cover dell'inglese "Style Magazine" e da quella del nigeriano "Radiant Health", a cui l'attrice racconta così la serie di cui è protagonista: "Non è una storia su persone in tuta o sui crimini che hanno comesso. È  una storia che racconta di persone: madri, figlie, nonne, nipoti, vicini di casa, dipendenti e datori di lavoro. È per questo che il pubblico di tutto il mondo si sente coinvolto".

E sempre in tema di bellezza non ordinaria, il mensile "Essence" ha voluto per la copertina dell'annuale "Body Issue" sei attrici della rappresentanza afroamericana del cast (Samira Wiley, alias Poussey Washington, Danielle Brooks, alias Tasha "Taystee" Jefferson, Adrienne C. Moore, alias "Black Cindy", Uzo Aduba, alias "Crazy Eyes", Vicky Jeudy, alias Janae Watson, e Laverne Cox), tutte in total look orange e tutte fiere di  affermare e mostrare le loro diversità, estetiche e non solo. "Vedere una persona della mia taglia nell'industria dello spettacolo è molto raro", ha raccontato la Brooks sulle pagine del magazine, "la gente normale però è molto più simile a me che alle modelle delle sfilate. Vedere la bellezza mostrata in maniera differente mi fa illuminare dentro".

Valentina Testa

VEDI ANCHE

i nostri tweet